Sapereplurale

Lunedì, Settembre 25, 2017

logo saperepluraleSaperi, competenze, pratiche e narrazioni nel sociale
E-mail: info@sapereplurale.net
Associazione di promozione sociale

facebookgoogle plustwitterrss

Home Rosetta D'Ursi Visualizza articoli per tag: carcere
Rosetta D'Ursi

Programma

Giovedì 7 settembre

Presso la CC Lorusso e Cutugno di Torino
Dalle ore 9.30:

  • Inaugurazione del festival per i detenuti e i giornalisti; videolettera di MoniOvadia e anteprima dei film e delle foto in concorso;
  • Visione di "Da Le Vallette", video prodotto dal laboratorio di LiberAzioni con Videocommunity Torino;
  • Lettura di Stalker Teatro dei racconti in concorso degli istituti penitenziari italiani;
  • Prima presentazione in carcere dell'annuale Rapporto di Antigone Piemonte sulle condizioni di detenzione, interverranno Valentina Noya, coordinatrice del progetto LiberAzioni; Vittorio Sclaverani, presidente dell' Associazione Museo Nazionale del Cinema; Domenico Minervini, Direttore della CC Lorusso Cutugno; Claudio Sarzotti, Presidente di Antigone Piemonte; moderatrice Rosetta D'Ursi, Cooperativa Eta Beta scs e Letter@21.

Presso Officine Caos e Casa di Quartiere Vallette, in Piazza Montale 18/A
Dalle ore 20.00:

  • Proiezione della Videolettera di MoniOvadia seguita da concerti musicali a ingresso gratuito:
  • Visione e dibattito del Videoclip musicale "LaScommessa", interamente girato nel quartiere Le Vallette, con Zuli, l’autore, presente.
  • A seguire live performance di:
    •  Capitan Gruccia e GliSpaghettiSpezzati
    •   Francesco Trimani
    •   Bravi Ragazzi
    •   SUMMA & MANDELA (Vallento Posse)
  • Proiezione del film "Mery per sempre" di Marco Risi (1989, 110'), a cura di Quinto Polo - Associazione Culturale e Associazione Museo Nazionale del Cinema

Venerdì 8 settembre

Presso la CC Lorusso Cutugno di Torino
Dalle ore 9.00:

  • Proiezione per le detenute e i detenuti di "Ninna Nanna Prigioniera" di Rossella Schillaci (2016, 82'). Interviene la regista, modera l'incontro Vittorio Sclaverani, presidente dell' Associazione Museo Nazionale del Cinema insieme a Valentina Noya, coordinatrice di LiberAzioni.

Presso Officine Caos e Casa di Quartiere Vallette, in Piazza Montale 18/A
Ore 16.00:

  • Incontro, performance e letture di Ascanio Celestini in omaggio ai giovani autori degli istituti penali minorili d'Italia, partecipanti alla sezione di concorso di LiberAzioni.

Ore 18.00:

  • Visione di "Spes contra spem – Liberi dentro", di Ambrogio Crespi (2016, 70'), a seguire dibattito intorno al tema dell'ergastolo: intervengono Sergio Segio del Direttivo di NessunoTocchiCaino; Sergio D'Elia, segretario di NessunoTocchiCaino; Elisabetta Zamparutti, membro italiano del ComitatoPerLaPrevenzioneDellaTortura del Consiglio d’Europa; Giacinto Siciliano, direttore del carcere di Opera (MI); modera Bruno Mellano, Garante dei detenuti della Regione Piemonte.

Ore 20.30:

  • Aperitivo e inaugurazione delle mostre fotografiche: una selezione dei migliori scatti partecipanti al Concorso fotografico LiberAzioni (Giovanni Antona, Roberta DiMattia, Anna Donatello, Martina Esposito, Francesca Fascione, Valerio Manghi, Salvatore Parisi, Beatrice Patti, Patrick Travaglini e Serena Vittorini).

In sala troverete le foto per SguardiOltreVallette di Barbara Marcalli e CoseRecluse di Daniele Robotti, una cornice audio che è l'installazione sonora StareDentro di Silvia Muletti con le registrazioni di quest'anno ai detenuti della CC Lorusso e Cutugno. Arricchisce il contesto la Graphic Novel di Gabriele Bollassa ispirata a un'esperienza presso l'IPM Ferrante Aporti di Torino.
Intervengono gli autori. Catering a cura di LiberaMensa.

Ore 21.30:

  • Premiazione del concorso fotografico di LiberAzioni.

A seguire proiezione del documentario "Da Le Vallette" (2017, 12') promosso dal laboratorio di Videocommunity Torino coordinato da Sergio Fergnachino e Angelo Artuffo, nell'ambito di LiberAzioni e girato nel quartiere;
seguito da "Torino Terrona" di Giovanni Petitti (2006, 33'), un documentario realizzato con la classe II D dell'I.C. Turoldo, dieci anni prima nello stesso territorio. Intervengono gli autori.

 

Sabato 9 settembre

Presso Officine Caos e Casa di Quartiere Vallette, in Piazza Montale 18/A
Ore 16.00:

  • Proiezione dei film in concorso e letture dei racconti finalisti per il concorso scrittura LiberAzioni a cura di Stalker Teatro, presentazione a cura di Associazione Museo Nazionale del Cinema e Sapereplurale:
    • "Paganini non ripete" di Giacomo Costa (2016, 14')
    • "Moto di rivoluzione" di Marco Marcigliano (2016, 7')
    • "La carne dell'orso" di Paolo Giacobbe e Andrea Porcu (2016, 17')
    • "BurattUomia" di Valeria Zecchinato (2015, 4')
    • "Avanti tigrotti!" di Giorgio Santise (2017, 10')
    • "Blocco E, IV piano" di Sergio Bertani (2016, 21')

Ore 18.00:

  • Presentazione di "GalereDItalia", XII Rapporto di Antigone sulle condizioni di detenzione con Claudio Sarzotti di Antigone Piemonte e Università degli Studi di Torino; Monica Gallo, Garante dei detenuti della Città di Torino, Bruno Mellano, Garante dei detenuti della Regione Piemonte, moderano Susanna Ronconi di Sapereplurale e Sergio Segio di Nessuno tocchi Caino.
  • Il Museo della memoria carceraria di Saluzzo: presentazione di storie audiovisive e biografie carcerarie. Durante l'incontro saranno proiettati degli estratti di Giustizia: "una dea bendata!" di Andrea Papa (2017, 30'), un caso di malagiustizia che ha coinvolto Domenico Morrone.

Ore 20.00:

  •  Aperitivo e incontro con gli autori dei concorsi cinematografico e scrittura di LiberAzioni

Ore 21.00:

  • Proiezione dei film in concorso alla presenza degli autori, preceduti dalla videolettera di MoniOvadia al Festival:
    • "Displaced" di Milad Tangshir (2016, 9')
    • "Il gusto della libertà" di Raffaele Palazzo (2017, 14')
    • "A che punto è la notte – Le confessioni di tre giovani attori" di Vincenzo Ardito (2017, 24')
    • "Awake" di Cesare Ambrogi (2016, 11')
    • "Sorvegliare le ore" di Gabriele Nugara (2017, 6')
    • "La révolte du rêveur" di Francesco della Noce (2015, 5')

A seguire Premiazione del concorso cinematografico e del concorso scrittura di LiberAzioni con lettura dei racconti vincitori.


LiberAzioni è il primo festival nazionale di cinema, fotografia e scrittura, con sezioni di concorso aperte a detenute, detenuti, ragazze e ragazzi liberi sotto i 35 anni.
Si basa sull’organizzazione partecipata, attraverso una serie di laboratori che da maggio a dicembre hanno portato azioni di cittadinanza attiva sul territorio de Le Vallette.
I temi che affronta sono la reclusione, la pena, la libertà e la relazione dentro/fuori.

Ingresso gratuito

 

Pubblicato in News

Associazione Museo Nazionale del Cinema (coordinatore), Antigone Piemonte, Cooperativa Etabeta, SaperePlurale, Stalker Teatro-Officine Caos-Casa del Quartiere Vallette, Videocommunity, con la collaborazione di Comune di Saluzzo, Museo della Memoria Carceraria di Saluzzo, SocietàINformazione, Witti Kiwi, ManàManà, Direzione CC Lorusso e Cutugno (Torino), con il patrocinio della V Circoscrizione della Città di Torino
nell'ambito del Progetto LiberAzioni - L'arte dei giovani tra carcere e quartiere
promuovono il Concorso letterario LiberAzioni - Storie tra dentro e fuori

Gli enti referenti per il Premio letterario sono:
Associazione SaperePlurale, Torino, www.sapereplurale.net
Cooperativa Etabeta, Torino, www.etabeta.it

Leggi il progetto

Visualizza la locandina del progetto

Scarica il bando di concorso

 

Pubblicato in News
Venerdì 17 Febbraio 2017 11:26

Festa 2017 di SaperePlurale

L’associazione Sapereplurale ti invita Giovedì 9 marzo 2017 19.30-22.30
Polo culturale Lombroso 16
- Sala Mario Molinari - Via Lombroso 16 – Torino

19.30-20.45

  • Aperitivo e notizie sulle proposte di Sapereplurale per il 2017
  • Con il Cerchio degli uomini presentazione del video Quando gli uomini si parlano, per l’educazione di genere, contro la violenza alle donne

20.45-22.30

  • Con L’Altramartedì – Circolo Maurice dialogo con Barbara Mapelli sul suo libro L’androgino tra noi (Ediesse 2016) con Patrizia Ottone e Veronica Vennettilli
Pubblicato in News

Progetto Liberi quartieri

L’altro quartiere” è il carcere. E anche tutti e tutte coloro che, in numero crescente, abitano i quartieri della città dopo essere passati da una cella, o scontando una pena alternativa o gli arresti domiciliari. Vicini di casa di cui non si sa o non si vuole sapere o di cui si diffida. C’è spesso molta distanza tra le parole dell’articolo 27 della Costituzione, che finalizzano la pena al reiserimento sociale, e la realtà di come la società – noi - percepiamo chi in carcere c’è e c’è stato o si appresta ad uscirne.
Essere “buoni vicini di casa” può voler dire incontrare, capire, convivere, promuovere opportunità e, con ciò, fare la differenza. Promuovere una cultura democratica e inclusiva della pena è possibile e necessario, ed è positivo, per tutte e tutti, quelli dentro e quelli fuori. La rassegna di film e i dialgohi “L’altro quartiere” è un'occasione per incontrare, ascoltare, capire, conoscere.
È un'iniziativa nell’ambito di “Liberi quartieri”, progetto di interventi sul e nel carcere promossa dall’Associazione Sapereplurale con Coordinamento Case di quartiere, Case di quartiere di San Salvario, Vallette, Hub Cecchi Point; Antigone Piemonte; Associazione Amici del Museo nazionale del Cinema, Videocommunity, Politecnico di Torino, Ufficio Pio della Compagnia di San Paolo, Atelier Fulvio Luparia, Rete Culturale Virginia, con il sostegno della Fondazione CRT.

Primo appuntamento:
5 maggio ore 21.00 - Cecchi Point – via Cecchi 17 Torino
Inaugurazione e primo incontro della rassegna “L’altro quartiere”

Inside. Immagini e immaginari del carcere
Vittorio Sclaverani (AMNC) e Susanna Ronconi (Sapereplurale) dialogano con Claudio Sarzotti (Antigone) e con Marco Rabino (detenzioni.it)
Michele Miravalle e Daniela Ronco presentano il web doc Inside Carceri e il Rapporto 2016 di Antigone

Dal 5 maggio al Cecchi Point “eVisioni”, mostra di locandine di prison movies a cura del Museo della Memoria Carceraria di Saluzzo

Scarica la locandina delle iniziative del 5 maggio

Secondo appuntamento:
18 maggio ore 21.15 - Casa di Quartiere Vallette – Piazza Montale 18 Torino
Proiezione del film Cesare deve morire, di P. e V. Taviani

Documentario vincitore dell’Orso d’Oro al Festival di Berlino nel 2012.
Anna Catella (Videocommunity) dialoga con Gabriele Boccacini e Stefano Bosco (Stalker Teatro)

Scarica la locandina dell'iniziativa del 18 maggio

Terzo appuntamento:
27 maggio ore 21.15 - Casa di Quartiere San Salvario – Via Morgari 14 - Torino
Proiezione del film Liberi a meta ('), di Gughi Fassino

V. Sclaverani (AMNC) dialoga con il regista e con W. Rista (Ovale oltre le sbarre) e D. Minervini (Direzione CC Lorusso e Cutugno)

Scarica la locandina dell'iniziativa del 27 maggio

Quarto appuntamento:
8 giugno ore 21.15 - Casa di Quartiere Vallette – Piazza Montale 18 - Torino
Proiezione del film Le rose blu, di A. Gasco, E. Piovano, T. Pellerano

V. D’Amelio (AMNC) dialoga con S.Ronconi e L. Tosi (Ass. Sapereplurale e 3 Giugno), D. Minervini (Direzione CC Lorusso e Cutugno), V. Bruni (Politecnico Torino) e C. Blengino (UniTO, Progetto Spazi Violenti)

Scarica la locandina dell'iniziativa dell'8 giugno

Quinto appuntamento:
15 giugno ore 21.15 - Hub Cecchi Point – Via A. Cecchi 17 - Torino
Proiezione del film L'aria salata, di A. Angelini

A. Catella (VDC) dialoga con G. Grena (Loscarcere, Lodi), P. Lassadro (Consorzio AbeleLavoro) e R. Schillaci (regista)

Scarica la locandina dell'iniziativa del 15 giugno

Sesto appuntamento:
28 giugno ore 21.15 - Casa del Quartiere San Salvario – Via Morgari 14 - Torino
Proiezione del film Tutta colpa di Giuda, di D. Ferrario

V. Sclaverani(AMNC) dialoga con M. Marangi (media educator)

Scarica la locandina dell'iniziativa del 28 giugno

Settimo appuntamento:
13 luglio ore 21.15 - Cecchi Point – Via Antonio Cecchi 17 - Torino
Proiezione del film Dustur, di di M. Santarelli

V. D’Amelio (AMNC) dialoga con il regista e con C. Sarzotti (Antigone)

Ottavo appuntamento:
13 settembre ore 21.00 - Casa del Quartiere di San Salvario – Via Morgari 14 - Torino

I diritti delle persone detenute tra garanzie e violazioni

Dialogo con M.C. Gallo (Garante Torino), E. Kalica (Ass. Ristretti Orizzonti), B. Mellano (Garante Regione Piemonte), M. Palma (Garante nazionale), D. Petrini (Garante Alessandria). Coordina C.Sarzotti (Antigone)

Da poco si sono conclusi i lavori degli stati generali sul carcere, che hanno messo sul tavolo criticità e insieme linee di intervento innovative sul carcere; da poco, accanto ai Garanti locali e regionali, è stata istituita la figura del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute e private della libertà personale. E, come sempre, le condizioni di vita nelle carceri italiane permangono critiche e resta viva, nel corpo sociale e in una parte del discorso politico nazionale, una cultura vendicativa della pena. A che punto sono i diritti delle persone detenute in Italia? Quali le sfide aperte? E perché è importante parlarne?

Nono appuntamento:
5 ottobre ore 21 - Casa del Quartiere Vallette – Piazza E. Montale 18 - Torino

Liberarsi della necessità del carcere: 30 anni dopo

Dialogo con S. Anastasia (Società della Ragione), F. Corleone (Garante detenuti Toscana), A. Cottino (giurista),
M.G. Giannichedda (Fondazione Basaglia), L.Pepino (giurista), S.Segio (Nessuno tocchi Caino)
Coordina G. Torrente (Antigone)

A metà degli anni ’80, non molti anni dopo la riforma del ’75, e a ridosso dei tempi duri delle carceri speciali, un movimento sociale, culturale, cooperativo ha rilanciato la sfida di una società in cui il carcere fosse davvero misura estrema. Una società con meno carcere e più territorio, con meno reclusione e più alternative alla detenzione, una società con meno carcere perché non vendicativa e capace di includere. Cosa vuol dire – cosa potrebbe voler dire - oggi, 30 anni dopo, “liberarsi dalla necessità del carcere”? Come è cambiato il contesto, la società, la cultura della pena? E cosa sta facendo chi per questa liberazione sta lavorando?

Leggi il progetto

Scarica la locandina di tutte le iniziative

Pubblicato in News

Il 18 maggio, alle 21.15, in occasione della proiezione del film Cesare deve morire, di P. e V. Taviani alla Casa di Quartiere Vallette, in Piazza Montale 18 a Torino, Gabriele Boccacini e Stefano Bosco raccontano la loro esperienza teatrale con le donne detenute

“Le Vallette” è il nome del quartiere periferico dove siamo riusciti a creare una struttura teatrale fra le più valide di Torino: le Officine CAOS.

“Carcere delle Vallette” è anche il nome abitualmente utilizzato per il penitenziario, ufficialmente denominato Casa Circondariale “Lorusso e Cutugno”, che ha la sua sede proprio vicino al teatro.
Ricordo che negli anni 70, quando abbiamo iniziato ad intervenire con un progetto di animazione teatrale nel territorio de Le Vallette, gli abitanti non volevano che venissero costruite le nuove carceri nel proprio quartiere. Alcune azioni teatrali erano state realizzate con la popolazione per manifestare proprio questo dissenso.
Quando agli inizi del 2000 siamo tornati a lavorare in quel quartiere con il progetto “Officine CAOS”, se capitava di dire al telefono che eravamo a Le Vallette, l'interlocutore pensava che fossimo in carcere, tanto era identificato il nome del quartiere con la Casa Circondariale. Per la nostra compagnia risultava quindi naturale, svolgendo un'attività in relazione al territorio, andare a fare teatro, prima o poi, nelle carceri, così vicine alla nostra sede teatrale.

Leggi tutto

Pubblicato in Segnalazioni
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
Pagina 1 di 2