Sapereplurale

Martedì, Novembre 21, 2017

logo saperepluraleSaperi, competenze, pratiche e narrazioni nel sociale
E-mail: info@sapereplurale.net
Associazione di promozione sociale

facebookgoogle plustwitterrss

Home Progetti
Progetti

Programma

Giovedì 7 settembre

Presso la CC Lorusso e Cutugno di Torino
Dalle ore 9.30:

  • Inaugurazione del festival per i detenuti e i giornalisti; videolettera di MoniOvadia e anteprima dei film e delle foto in concorso;
  • Visione di "Da Le Vallette", video prodotto dal laboratorio di LiberAzioni con Videocommunity Torino;
  • Lettura di Stalker Teatro dei racconti in concorso degli istituti penitenziari italiani;
  • Prima presentazione in carcere dell'annuale Rapporto di Antigone Piemonte sulle condizioni di detenzione, interverranno Valentina Noya, coordinatrice del progetto LiberAzioni; Vittorio Sclaverani, presidente dell' Associazione Museo Nazionale del Cinema; Domenico Minervini, Direttore della CC Lorusso Cutugno; Claudio Sarzotti, Presidente di Antigone Piemonte; moderatrice Rosetta D'Ursi, Cooperativa Eta Beta scs e Letter@21.

Presso Officine Caos e Casa di Quartiere Vallette, in Piazza Montale 18/A
Dalle ore 20.00:

  • Proiezione della Videolettera di MoniOvadia seguita da concerti musicali a ingresso gratuito:
  • Visione e dibattito del Videoclip musicale "LaScommessa", interamente girato nel quartiere Le Vallette, con Zuli, l’autore, presente.
  • A seguire live performance di:
    •  Capitan Gruccia e GliSpaghettiSpezzati
    •   Francesco Trimani
    •   Bravi Ragazzi
    •   SUMMA & MANDELA (Vallento Posse)
  • Proiezione del film "Mery per sempre" di Marco Risi (1989, 110'), a cura di Quinto Polo - Associazione Culturale e Associazione Museo Nazionale del Cinema

Venerdì 8 settembre

Presso la CC Lorusso Cutugno di Torino
Dalle ore 9.00:

  • Proiezione per le detenute e i detenuti di "Ninna Nanna Prigioniera" di Rossella Schillaci (2016, 82'). Interviene la regista, modera l'incontro Vittorio Sclaverani, presidente dell' Associazione Museo Nazionale del Cinema insieme a Valentina Noya, coordinatrice di LiberAzioni.

Presso Officine Caos e Casa di Quartiere Vallette, in Piazza Montale 18/A
Ore 16.00:

  • Incontro, performance e letture di Ascanio Celestini in omaggio ai giovani autori degli istituti penali minorili d'Italia, partecipanti alla sezione di concorso di LiberAzioni.

Ore 18.00:

  • Visione di "Spes contra spem – Liberi dentro", di Ambrogio Crespi (2016, 70'), a seguire dibattito intorno al tema dell'ergastolo: intervengono Sergio Segio del Direttivo di NessunoTocchiCaino; Sergio D'Elia, segretario di NessunoTocchiCaino; Elisabetta Zamparutti, membro italiano del ComitatoPerLaPrevenzioneDellaTortura del Consiglio d’Europa; Giacinto Siciliano, direttore del carcere di Opera (MI); modera Bruno Mellano, Garante dei detenuti della Regione Piemonte.

Ore 20.30:

  • Aperitivo e inaugurazione delle mostre fotografiche: una selezione dei migliori scatti partecipanti al Concorso fotografico LiberAzioni (Giovanni Antona, Roberta DiMattia, Anna Donatello, Martina Esposito, Francesca Fascione, Valerio Manghi, Salvatore Parisi, Beatrice Patti, Patrick Travaglini e Serena Vittorini).

In sala troverete le foto per SguardiOltreVallette di Barbara Marcalli e CoseRecluse di Daniele Robotti, una cornice audio che è l'installazione sonora StareDentro di Silvia Muletti con le registrazioni di quest'anno ai detenuti della CC Lorusso e Cutugno. Arricchisce il contesto la Graphic Novel di Gabriele Bollassa ispirata a un'esperienza presso l'IPM Ferrante Aporti di Torino.
Intervengono gli autori. Catering a cura di LiberaMensa.

Ore 21.30:

  • Premiazione del concorso fotografico di LiberAzioni.

A seguire proiezione del documentario "Da Le Vallette" (2017, 12') promosso dal laboratorio di Videocommunity Torino coordinato da Sergio Fergnachino e Angelo Artuffo, nell'ambito di LiberAzioni e girato nel quartiere;
seguito da "Torino Terrona" di Giovanni Petitti (2006, 33'), un documentario realizzato con la classe II D dell'I.C. Turoldo, dieci anni prima nello stesso territorio. Intervengono gli autori.

 

Sabato 9 settembre

Presso Officine Caos e Casa di Quartiere Vallette, in Piazza Montale 18/A
Ore 16.00:

  • Proiezione dei film in concorso e letture dei racconti finalisti per il concorso scrittura LiberAzioni a cura di Stalker Teatro, presentazione a cura di Associazione Museo Nazionale del Cinema e Sapereplurale:
    • "Paganini non ripete" di Giacomo Costa (2016, 14')
    • "Moto di rivoluzione" di Marco Marcigliano (2016, 7')
    • "La carne dell'orso" di Paolo Giacobbe e Andrea Porcu (2016, 17')
    • "BurattUomia" di Valeria Zecchinato (2015, 4')
    • "Avanti tigrotti!" di Giorgio Santise (2017, 10')
    • "Blocco E, IV piano" di Sergio Bertani (2016, 21')

Ore 18.00:

  • Presentazione di "GalereDItalia", XII Rapporto di Antigone sulle condizioni di detenzione con Claudio Sarzotti di Antigone Piemonte e Università degli Studi di Torino; Monica Gallo, Garante dei detenuti della Città di Torino, Bruno Mellano, Garante dei detenuti della Regione Piemonte, moderano Susanna Ronconi di Sapereplurale e Sergio Segio di Nessuno tocchi Caino.
  • Il Museo della memoria carceraria di Saluzzo: presentazione di storie audiovisive e biografie carcerarie. Durante l'incontro saranno proiettati degli estratti di Giustizia: "una dea bendata!" di Andrea Papa (2017, 30'), un caso di malagiustizia che ha coinvolto Domenico Morrone.

Ore 20.00:

  •  Aperitivo e incontro con gli autori dei concorsi cinematografico e scrittura di LiberAzioni

Ore 21.00:

  • Proiezione dei film in concorso alla presenza degli autori, preceduti dalla videolettera di MoniOvadia al Festival:
    • "Displaced" di Milad Tangshir (2016, 9')
    • "Il gusto della libertà" di Raffaele Palazzo (2017, 14')
    • "A che punto è la notte – Le confessioni di tre giovani attori" di Vincenzo Ardito (2017, 24')
    • "Awake" di Cesare Ambrogi (2016, 11')
    • "Sorvegliare le ore" di Gabriele Nugara (2017, 6')
    • "La révolte du rêveur" di Francesco della Noce (2015, 5')

A seguire Premiazione del concorso cinematografico e del concorso scrittura di LiberAzioni con lettura dei racconti vincitori.


LiberAzioni è il primo festival nazionale di cinema, fotografia e scrittura, con sezioni di concorso aperte a detenute, detenuti, ragazze e ragazzi liberi sotto i 35 anni.
Si basa sull’organizzazione partecipata, attraverso una serie di laboratori che da maggio a dicembre hanno portato azioni di cittadinanza attiva sul territorio de Le Vallette.
I temi che affronta sono la reclusione, la pena, la libertà e la relazione dentro/fuori.

Ingresso gratuito

 

Giovedì 09 Marzo 2017 09:15

Quando gli uomini si parlano

Una storia, un video, uno strumento per l'educazione di genere
Perché è ora che la soggettività degli uomini riscriva che cos'è il "maschile"

Guarda il video

Nel 2015-2016 SaperePlurale crea una alleanza con l'associazione Cerchio degli Uomini, una delle poche che in Italia si occupa di creare relazioni tra uomini mirate a decostruire il maschile patriarcale e guardare verso un maschile libero da codici millenari e oppressivi (sì, oppressivi anche per loro).
Decidiamo insieme di promuovere una proposta culturale e di comunicazione che inviti gli uomini a parlarsi, a liberare energie e desiderio di riscrivere un maschile più felice e più libero, e dunque anche più capace di relazionarsi al femminile superando le dinamiche di potere che attraversano oggi le relazioni tra i generi. Stefano, uno dei protagonisti, si chiede: "Ma ci abbiamo davvero guadagnato, da questo potere?" Il video suggerisce una risposta. Difficile, indiziaria, contraddittoria. Ma già presente nelle esperienze, nelle riflessioni e nei desideri.

Il video nasce con il contributo della Città di Torino che, nell’ambito del contrasto alla violenza contro le donne, ha voluto produrre uno strumento utile per avviare in vari contesti - scolastici, universitari, formativi, lavorativi - una riflessione sui generi, partendo dal ruolo degli uomini.

Un gruppo di uomini di diverse generazioni si incontra per parlare di sé, del proprio essere uomini, di come “maschi si diventa”, tra eredità di codici millenari e desiderio di liberarsi da gabbie e stereotipi di genere. Di qui cominciano un racconto corale e un percorso di consapevolezza su di sé e sulla violenza contro le donne, che dà voce alla soggettività e alle storie maschili.

Realizzato da Sergio Fergnachino, Angelo Arruffo, Susanna Ronconi, con il contributo di Davide Bertolino, Franco Muzzarelli, Roberto Poggi
Prodotto da SaperePlurale e Cerchio degli Uomini con la collaborazione di Videocommunity, Quinta Tinta ed Etica&Lavoro.

Da questo video è stata tratta una versione interattiva, strutturata per capitoli a tema, che è un efficace strumento per la formazione e l'educazione di genere.
Il DVD si può richiedere inviando una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Leggi di più

Martedì 20 Gennaio 2015 18:47

Progetto Mnemosine

Stiamo lavorando per dare vita a un nuovo progetto, Mnemosine. Si tratta di un percorso di sensibilizzazione, animazione culturale e sociale dedicato alla detenzione femminile e ai diritti delle donne detenute, che culminerà nell’installazione di un’opera artistica creata da donne in un luogo della città dedicato alle 11 donne, 9 detenute e due agenti, morte nell’incendio della sezione femminile di Vallette il 3 giugno del 1989.

È stata la più grande tragedia, in termini di vite umane distrutte, del carcere del dopo riforma del 1975. Già allora, un gruppo di donne allora detenute, con il sostegno di molte e molti, prima tra tutti Bianca Guidetti Serra, con l’Associazione “3 giugno”, si attivò perché questa tragedia fosse un insegnamento, e la sicurezza e i diritti di chi è detenuto/a fossero garantiti, prima tra tutti quello alla incolumità e alla vita. Due di queste donne oggi sono socie di Sapereplurale. E oggi intendiamo, a venticinque anni da quella tragedia, trovare un modo affinché la memoria di questo dramma resti viva: per ricordare chi non c’è più, e per ricordare e ricordarci sempre che i diritti di chi è rinchiuso/a per espiare una pena vanno presidiati e difesi, da parte di tutti, istituzioni e società civile. Il progetto ha avuto il consenso e la collaborazione della Città di Torino. In febbraio partiremo con un crowdfunding, seguici sul sito! Progetto in partnership con Rete Culturale Virginia.

  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
Pagina 1 di 5