Sapereplurale

Mercoledì, Luglio 08, 2020

logo saperepluraleSaperi, competenze, pratiche e narrazioni nel sociale
E-mail: segreteria@sapereplurale.net
Associazione di promozione sociale

facebookgoogle plustwitterrss

Home News Libere di scegliere
Mercoledì 24 Giugno 2020 07:15

Libere di scegliere

Valuta questo articolo
(0 Voti)
Ultima arrivata  l'Umbria, a inventarsi regole senza fondamento pur di impedire alle donne l'accesso alla RU486, la pillola che consente l'interruzione di gravidanza in modo meno invasivo e meno doloroso.
Ultima di una lunga serie. Correva l'anno 2010 e ci hanno provato anche in Piemonte. Allora,  alcune di noi dell'allora Movimento torinese donne per l'autodeterminazione, con il supporto della Casa delle donne e di Videocommunity, abbiamo prodotto uno spot di controinformazione, mettendo in scena i nostri corpi,  le nostre voci e i nostri occhi. 
Lo trovi sul canale YouTube di Videocommunity. Diffondilo!
 
Occhi da tenere sempre aperti.  Perché ogni tanto ci riprovano... Il Ministro della Salute chiede ora lumi al Consiglio Superiore di Sanità (CSS). Ma perché, se lo stesso CSS dieci anni fa ha già emanato chiare linee guida e nulla, nel frattempo, è accaduto che giustifichi una revisione di quelle linee guida, del resto in linea con l'Europa e con la comunità scientifica tutta?
Sono tante le lobby, di destra, fondamentaliste, quella potente degli obiettori che premono. Ministro Speranza, basta dire "Le linee guida ci sono e vanno rispettate". E farle rispettare.
Altro in questa categoria: « Passeggiata di castello in castello
Login to post comments